.

News

« Torna all'archivio News

29/08/2012
RECUPERO FISCALE AL 50% PER ACQUISTO DI PORTE BLINDATE E SERRAMENTI DI SICUREZZA

DAL 26 GIUGNO VIA AD UN IMPORTANTE PROVVEDIMENTO FISCALE
 

Nonostante il risalto dato alla notizia in fase di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ribadiamo ancora che è in vigore sino al 30 giugno 2013 il decreto legge 83/2012 che ha sancito importanti novità in materia fiscale a beneficio in particolare degli acquirenti di porte blindate, inferriate e serramenti di sicurezza: le spese sostenute per questo genere di acquisti, sono agevolate con una detrazione fiscale del 50% fino a un tetto di spesa di 96 mila euro. Si tratta di una maggiorazione “a tempo” rispetto ai bonus del 36%, studiata per dare impulso al settore edilizia.
 
Anche i lavori già iniziati alla data del 26 giugno beneficiano direttamente della detrazione al 50% e del tetto di spesa di 96 mila euro.
In base al testo, la detrazione maggiorata dovrebbe valere da subito: per il calcolo dell’agevolazione non sarebbe quindi importante quando è partito il cantiere per la ristrutturazione dell’edificio, ma la data in cui è stata affrontata una determinata spesa.

Molto importanti rimangono i requisiti formali del bonifico, che deve necessariamente indicare il riferimento normativo alla Legge 449/1997, il codice fiscale degli ordinanti e il numero di partita Iva o codice fiscale del beneficiario del pagamento.

Approfittiamo dell'occasione per ribadire altresì che nessun tema legato al recupero fiscale (per ristrutturazione edilizia o per risparmio energetico) rileva sul regime di applicazione dell'iva.

 

DETRAZIONE FISCALE AL 50%  PER L’INSTALLAZIONE DI

 PORTE BLINDATE, SERRAMENTI, TAPPARELLE BLINDATE,

INFERRIATE  E PERSIANE BLINDATE

IN VIGORE DAL 26/06/2012 AL 30/06/2013

 

 Con il  Decreto Legge n. 83 del 22 giugno 2012 (Misure urgenti per la crescita del Paese, convertito dalla Legge N. 134 del 7 agosto 2012) per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al          30 giugno 2013 e relative alla manutenzione e ristrutturazione delle abitazioni e delle parti comuni degli edifici residenziali, la detrazione Irpef aumenta al 50% e raddoppia il limite massimo di spesa (96.000 euro per unità immobiliare).

 Tra le altre novità si segnalano:

- l’abolizione dell’obbligo di invio della comunicazione di inizio lavori al Centro operativo unico di Pescara;

- l’eliminazione dell’obbligo di indicare il costo della manodopera, in maniera distinta, nella fattura emessa dalla ditta che esegue i lavori.

 I lavori sulle unità immobiliari residenziali e sugli edifici residenziali per i quali spetta l’agevolazione fiscale sono in particolare quelli relativi agli interventi di manutenzione straordinaria  e  di ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze.

(ad esempio la sostituzione di infissi esterni, serramenti o persiane con modifica di materiale o tipologia di infisso).

 Sono detraibili anche gli interventi di manutenzione ordinaria effettuati su tutte le parti comuni degli edifici residenziali (ad esempio porte d’ingresso del condominio).

 La detrazione riguarda inoltre gli interventi relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi.

(come ad esempio l’apposizione di inferriate alle finestre, l’installazione di porte blindate, serramenti di sicurezza, tapparelle e persiane blindate)

 L’agevolazione spetta non solo ai proprietari degli immobili, ma anche ai titolari di diritti reali o personali di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie) sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese ed anche ai locatari o comodatari.

 La detrazione deve essere ripartita in dieci quote annuali di pari importo, nell’anno in cui è stata sostenuta la spesa ed in quelli successivi.

 Per fruire della detrazione è necessario che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario o postale da cui risultino la causale del versamento, il codice fiscale del soggetto che paga ed il codice fiscale o numero di partita IVA del beneficiario del pagamento.

 

Esempio di interventi sulle singole unità abitative ammissibili a fruire della detrazione Irpef :

 

Finestre                               Nuova apertura o modifica di quelle preesistenti

                                               Sostituzione con finestre di sagoma, materiale e colori diversi

 Inferriate                              Sostituzione con innovazioni rispetto alla situazione preesistente

                                              Nuova installazione con o senza opere esterne

 Infissi esterni                      Nuova installazione o sostituzione con altri aventi sagoma, materiali o colori diversi

 Persiane                              Nuova installazione o sostituzione con altre aventi sagoma, materiale e colori diversi

 Porta blindata esterna     Nuova installazione o sostituzione con altre aventi sagoma o colori diversi

 Porta blindata interna      Nuova installazione

 Porta-finestra                     Nuova installazione o sostituzione con altra avente sagoma e colori diversi

Trasformazione da finestra a porta finestra

 Porte esterne                     Nuova installazione o sostituzione con altre aventi sagome o colori diversi

 Serramenti esterni           Nuova installazione o sostituzione con altri aventi finiture e colori diversi dai precedenti

 

 

DIGIEMME SRL

Via Micheli 10

43056 S.Polo di Torrile (PR)

Telefono 0521/819382 0521/819985

Fax 0521/819930

www.digiemmenet.it

info@digiemmenet.it

 

 

 

 
 

Visualizza Immagine Visualizza Immagine

ALLEGATO DIMENSIONE SCARICARE
29.39 KByte Anteprima Documento